Area Ex Azzolin – Marostica

Ex Ghiacciaia Università Statale di Milano
21 Dicembre 2020
Committente proprietaria:

Banca Popolare dell’Alto Adige S.p.A.

Consulente scientifico:

prof. Ing. Arch. Salvatore Russo – IUAV

Tutela monumentale:

Soprintendenza belle arti e paesaggio di Verona

Attività di messa in sicurezza con interventi sottoposti ad autorizzazioni della Soprintendenza belle arti e paesaggio di Verona, del complesso immobiliare situato all’interno del centro storico di Marostica interessato da forte degrado materico strutturale, sottoposto a decreti ministeriali, paesaggistici e di monumentalità.

Il complesso immobiliare Ex Azzolin è collocato all’interno delle mura Scaligere intorno al 1370.
Fanno parte dell’area sottoposta a messa in sicurezza secondo le prescrizione del codice dei beni culturali Dlgs n.42/2004: i rivellini facenti parte delle mura Scaligere fronti sud ed ovest, le ville di inizio ‘800 vincolate monumentalmente poste lungo Corso Mazzini, la ciminiera e la fabbrica storica di fine ‘800.
Nel lotto è presente anche un vasto parco vincolato storicamente in cui sorgono esemplari di piante secolari.

In specifico, l’attività dello Studio Cattivelli prevede:

  • analisi della stratificazione storica degli edifici del comparto;
  • rilievi dello stato di fatto degli edifici su griglia fotografica di riferimento con supporto di droni e di rilievi topografici;
  • caratterizzazione dei materiali e delle partizioni architettoniche mediante prove micro-invasive, successive analisi di laboratorio e rilievi su portanze delle murature e dei solai lignei;
  • catalogazione dei residui di crollo e archiviazione delle parti rappresentative ritrovate;
  • modellazione 3D con analisi modale e sismica degli edifici nello stato di fatto con individuazione delle parti da stabilizzare con messa in sicurezza provvisionale;
  • progetto di opere di messa in sicurezza non invasive delle parti individuate con precedenti analisi e mitigazione degli interventi richiesti da pratiche Sindacali e della Soprintendenza, realizzato con puntelli e travature lignee con riferimento alle indicazioni del manuale delle opere provvisionali dei VVF per eventi calamitosi di opere monumentali;
  • direzione lavori della “parte tecnica” per la messa in opera delle strutture provvisionali individuate a progetto.

Per prevenire il progredire degli ammaloramenti causati principalmente da infiltrazione di acqua pluvia dalle parti di copertura crollate e di conseguenza l’innesco di ulteriori crolli ad effetto domino sui solai sottostanti, è stata ulteriormente realizzata una speciale struttura provvisionale metallica di messa in sicurezza avvolgente le parti murarie e del tutto non invasiva.

A mitigazione architettonica delle opere di messa in sicurezza lungo la via principale Corso Mazzini è stato applicato sulle opere metalliche a tutta larghezza degli immobili, un telo “Big-Print” in scala reale riproducente il prospetto dell’ edificio.

Per la Ciminiera storica a sezione tronco-conica di altezza 23m circa, che presenta una sezione anulare critica ad altezza circa 10m dal suolo, con evidenti falle murarie, è stata posata una struttura provvisionale metallica, realizzante una fasciatura esterna non invasiva le murature di rinforzo a ponte della sezione critica.

Anche per il Rivellino sul fronte ovest facente parte della cinta muraria Scaligera, è stato realizzato un intervento non invasivo con 2 specifiche strutture: -una esterna di bassissimo impatto visivo di messa in sicurezza del paramento murario storico -una interna metallica alla torre a supporto della parte residuale della volta sommitale